DipartimentoIngegneria Civile e Ambientale DICA
versione italianaversione ingleseHomesearchmappapeople Universitą degli Studi di Trento
up

CUnEdI - Centro Universitario Edifici Intelligenti

Sede

Vai all'Indicevai suvai gił

Il CUnEdI ha la sua sede presso il Laboratorio di Progettazione Edilizia dell’Università degli Studi di Trento.

Direttore

Vai all'Indicevai suvai gił

Direttore del CUnEdI è il Prof. Antonio Frattari

Staff

Vai all'Indicevai suvai gił

Lo staff tecnico-scientifico è composto da:

dott. ing. Rossano Albatici - ricercatore
dott. ing. Michela Dal Prà - ricercatrice
dott. ing. Michela Chiogna – dottoranda
ing.. Fabio Bernardi – EP5
geom. Paolo Bottura – tecnico di laboratorio

Mission

Vai all'Indicevai suvai gił

La mission del Centro Universitario Edifici Intelligenti (CUnEdI) è quella di:

  • sviluppare studi e sperimentazioni su casi reali, per approfondire le potenzialità della domotica :
    • - negli edifici pubblici e privati per la regolazione igro-termoclimatiche ed illuminotecnica al fine del contenimento dei consumi energetici;
    • - nelle abitazioni delle fasce deboli, quali anziani e portatori di handicap motori, per compensare le limitazioni funzionali e facilitare la vita indipendente;
  • fornire supporto scientifico e progettuale alle imprese, agli enti pubblici e privati per lo sviluppo di soluzioni innovative/per la realizzazione di edifici dotati di dispositivi domotici.

Attività

Vai all'Indicevai suvai gił

Le attività che il CUnEdI svolge sono incentrate:

  1. sulla costituzione di una rete operativa per l’interscambio dei risultati sperimentali raggiunti nella progettazione e nella realizzazione di edifici “intelligenti”;
  2. sulla formazione di una banca dati informatizzata consultabile on line delle esperienze e delle realizzazioni in Italia e in Europa relativamente alla realizzazione di abitazioni “intelligenti”;
  3. sulla formulazione e sullo svolgimento di programmi di ricerca con partner europei prevalentemente con finanziamenti UE per lo sviluppo della “architettura domotica”;
  4. sull’organizzazione di corsi di specializzazione per la diffusione della cultura del progetto dell’abitazione intelligente con esplicito riferimento all’azione progetto dell’oggetto edilizio integrato funzionalmente con i dispositivi “intelligenti”;
  5. sulla definizione di codici di pratica per il corretto posizionamento delle risorse domotiche e della loro gestione programmata in termini evolutivi dell’alloggio.
  6. sulla definizione di metodologie di progettazione di alloggi per l’utenza debole
  7. sulla definizione di metodologie di progettazione di scenari finalizzati al contenimento dei consumi energetici per edifici privati e pubblici quali ad esempio abitazioni, uffici, università, musei, ecc.

Collaborazioni in atto

Vai all'Indicevai suvai gił

Attualmente il CUnEdI svolge attività di ricerca per studio e supervisione metodologica alla progettazione con i seguenti partner:

  • Provincia Autonoma di Trento
  • ASPE – Azienda Speciale per l’Energia
  • Domoticsistem – S.r.l. Rovereto
  • ProBus – S.r.l. Bolzano
  • Villa Maria – Cooperativa sociale Lenzima di Isera
  • Istituto Regionale di Studi e Ricerca Sociale – progetto europeo Gabriele
  • Associazione Artigiani e piccole Imprese
  • Associazione Konnex Italia
  • CS4 - Cooperativa sociale di Pergine
  • Grazie alla Vita - Cooperativa Sociale di Mezzolombardo
  • Istituto "Piccola Opera" di Levico,
  • A.N.F.F.A.S.
  • ITC-IRST di Trento
  • Create-net associazione di Trento
  • Far Systems - Spa di Rovereto
  • Optoelettronica Italia - Srl di Trento
  • Tretec Srl di Trento


Accordi e convenzioni in essere

Vai all'Indicevai suvai gił

Accordo (deliberato dalla Giunta Provinciale n. 310 di data 10 marzo 2005) tra la Provincia Autonoma di Trento – Servizi per le Politiche sociali – la Cooperativa Sociale Villa Maria s.c.a.r.l. di Lenzima di Isera, la società Domoticsistem s.r.l. di Rovereto e l’Università di Trento per l’installazione in due unità abitative con sistemi domotici e tecnologici.

Tale accordo prevede la progettazione di due unità abitative con sistemi domotici per utenti deboli con ritardo mentale a Lenzima di Rovereto.

- Casa Educativa con Impiego di Sistemi Domotici per Utenti con Ritardo Mentale a Lenzima di Rovereto


Accordo con l’Associazione Konnex Italia ( deliberato il 5 marzo 2005) per la realizzazione di un laboratorio tipologico a scala reale che costituisca supporto informativo e formativo nell’ambito delle soluzioni legate all’home e building automation.

Il laboratorio potrà essere per studi nell’ambito di dottorati di ricerca e master come ambiente sperimentale a scala reale in cui testare la fattibilità e le potenzialità di un impianto domotico; potrà essere di supporto anche per tecnici installatori e per studenti di istituti tecnici.

- Costituzione di un laboratorio tipologico a scala reale per la comparazione del comportamento termico e luminoso di ambienti confinati dotati di sistemi domotici

- Attività di formazione per aziende di settore attraverso l’organizzazione di corsi nel laboratorio tipologico per la diffusione della cultura del progetto dell’abitazione intelligente.

Tavolo di lavoro “Domotica e Alzheimer”con il Comune di Trento, l’Unità Operativa Geriatria Ospedale di Trento, l’Associazione Alzheimer, la Civica Casa di Riposo.

Il confronto scientifico è fondato sull’approfondimento delle soluzioni architettoniche e tecnologiche più confacenti a strutture di accoglienza e abitazioni per ospitare persone affette da Alzheimer, con riferimento ad esperienze nazionali ed internazionali. In particolare si valutano le soluzioni tecnologiche rispondenti a garantire un adeguato livello di safety, security e comfort ambientale per i disturbi sensoriali, cognitivi e motori correlati alla patologia.

- Contributo alla Conferenza “La malattia di Alzheimer: efficacia, efficienza, solidarietà e prospettive nella Città di Trento” Trento, 11 marzo 2005 con la relazione dal titolo I Malati di Alzheimer e l’Abitazione: lo Stato dell’Arte in Norvegia, Prof. Antonio Frattari, dott. ing. Michela Chiogna


Accordo con l ’Istituto Regionale di Studi e Ricerca Sociale (IRSTS) nell’ambito del progetto “Adattare la casa alle esigenze dell’anziano con l’ausilio di tecnologie - Casa @datta”(Prot. n. 49/MC – 12 gennaio 2005)

Nell’ambito di tale accordo viene fornito un servizio di consulenza di progettazione architettonica e domotica a favore dell’Istituto ed in particolare dell’èquipe territoriale attivata nell’ambito del progetto Casa @datta in Valle del Chiese per la sperimentazione di un intervento pubblico integrato (sociale, sanitario, protesico, abitativo, domotico) di adattamento dell’abitazione a favore di 5 anziani portatori di disabilità, selezionati dai servizi sociali e sanitari locali.

- Ricerca nell’ambito del programma di azioni innovative finanziato dall'Unione Europea denominato Gabriele dal titolo: "Adattare la casa alle esigenze dell'anziano con l'ausilio di tecnologie" (Casa @datta)

Accordo per la realizzazione di due alloggi esemplificativi delle potenzialità della domotica negli alloggi destinati all’utenza debole con Provincia Autonoma di Trento, ITEA, Comune di Trento, ITC, IRSRS, Associazione AeA, Federazione Trentina delle Cooperative, Associazione degli industriali della Provincia di trento, Azienda provinciale per i servizi sanitari, Opera Universitaria, Università degli studi di Trento, Associazioni Artigiani e piccole Imprese della Provincia di trento, Agenzia per lo Sviluppo S.p.a. – 13 giugno 2006

L’apporto del CUnEdI è di tipo scientifico-progettuale ed è incentrato sulla definizione della soluzione funzionale ed alla sua interfaccia con l’impiantistica relativa ai sussidi domotici.

Accordo bilaterale A.S.P.E. CUnEdI – 21 settembre 2005

Allo scopo di attivare attività di collaborazione e consulenza per lo studio e il monitoraggio di edifici pubblici esistenti nonché di valutazione dei progetti di nuovi edifici pubblici in Provincia di Trento allo scopo di verificare la sostenibilità degli stessi in termini energetici.

- Progetto scientifico, nell’ambito dell’accordo bilaterale con l’ASPE: “Sostenibilità ambientale e risparmio energetico nella gestione di uffici pubblici: il caso del palazzo delle ex-poste”

- “Studio di scenari luminosi per l’ottimizzazione del consumo energetico nella gestione del museo MART di Rovereto”


Accordo bilaterale Algorab s.r.l. ed il CUnEdI – 8 novembre 2005

Allo scopo di avviare attività di collaborazione e consulenza per il monitoraggio dei parametri ambientali, la sperimentazione per la regolazione del microclima degli spazi confinati in funzione del comfort termoigrometrico con uso razionale delle risorse energetiche, la sperimentazione per la regolazione dell’illuminazione con dispositivi intelligenti

Accordo bilaterale Probus s.r.l. ed il CUnEdI

Il CUnEdI mette a disposizione le proprie competenza per la diffusione della conoscenza delle potenzialità ad oggi offerte dall’applicazione delle tecnologie domotiche interagendo con società di settore.

- Redazione della versione italiana del manuale per il corso avanzato KNX per ETS3

Accordo tra la Provincia Autonoma di Trento, la Cooperativa Sociale "Grazie alla Vita" di Mezzolombardo, l'Istituto "Piccola Opera" di Levico, la Cooperativa Sociale "C.S.4" di Pergine Valsugana, l'A.N.F.F.A.S., l'Università di Trento - Laboratorio Elettronica-Dit e Centro Universitario Edifici Intelligenti - CunEdI, l'ITC-IRST di Trento, l'associazione Create-net di Trento, la società "Far Systems" Spa di Rovereto, la società "Optoelettronica Italia" Srl di Trento, la società "Tretec" Srl di Trento, la società "Domoticsistem" Srl di Rovereto

Reg. delib.n. 736 Prot. n. 28: …”Il Servizio Politiche sociali, avvalendosi della disponibilità offerta da professionisti del campo medico-riabilitativo-psicologico-sociale, vuole individuare una metodologia valutativa concordata e predisporre uno strumento di facile applicazione per l’individuazione, all’interno delle strutture residenziali protette, di possibili beneficiari di soluzioni abitative alternative, attrezzate per lo sviluppo dell’autonomia e della crescita della persona mediante l’autoresponsabilizzazione. L’offerta di alcune aziende locali impegnate nella progettazione e produzione di sistemi tecnologici in ambito domotico, ben si coniuga con il contesto sopra descritto nonché con l’opportunità di sostenere filiere sinergiche tra operatori pubblici e privati, profit e no profit impegnati nell’ambito sociale, della ricerca, della produzione e assemblaggio per una migliore valorizzazione dei punti di forza del sistema Trentino.” …

-“Progetto per la realizzazione di un appartamento semi prottetto per persone con disabilita’ psicofisica con il supporto di sistemi domotici e telematici – C.S.4. Società Cooperativa Sociale – O.N.L.U.S. Solidarietà Sicurezza Sociale Servizi”

-“Progetto Casa Satellite” - A.N.F.F.A.S.

Convenzione con l’UPA SERVIZI SRL, in qualità di ente attuatore e referente per Unioncamere e Regione LOMBARDIA del progetto “R€nergia - risparmio energetico e competitivita’ delle imprese artigiane in riferimento a quanto contenuto nel progetto esecutivo R€nergia - risparmio energetico e competitivita’ delle imprese artigiane”

Il CunEdI impiega le proprie competenze con la partecipazione in qualità di relatori ad incontri formativi sulle tematiche della domotica finalizzata al risparmio energetico.

-“Progetto R€nergia - risparmio energetico e competitivita’ delle imprese artigiane”


Lavori svolti negli ultimi due anni

Vai all'Indicevai suvai gił

2005

Codice di Pratica per la Localizzazione di Sistemi Domotici, commissionato dalla Provincia Autonoma di Trento.

Il Codice di Pratica è stato generato dalla riflessione che il sistema impiantistico per l’automazione della casa, per essere efficiente, deve essere correttamente installato in termini di appropriata posizione nell’alloggio dei componenti “sensibili” che consentono il rilevamento e l’esecuzione del comando. Inoltre l’insieme deve essere tale che i diversi sistemi agenti risultino reciprocamente compatibili, facilmente espandibili e integrabili non solo in termini “elettrici”, ma anche come posizionamento all’interno degli spazi fruiti. E’ quindi necessario che la localizzazione dei singoli sistemi componenti avvenga secondo criteri e direttive ben definiti per evitare malfunzionamenti o inefficienze dell’impianto e per consentire che le eventuali modificazioni, a seconda delle necessità dell’utenza, vengano attuate correttamente.
Per raggiungere questi risultati è stato sviluppato il Codice di Pratica, ancora limitato a solo alcuni dispositivi, in prevalenza quelli inseriti nel “Pacchetto domotico” della Provincia di Trento, ed eventualmente ampliabile con altri in futuro, pensato come punto di riferimento per l’utente evoluto, per il progettista e/o per l’installatore. Con questo lavoro sono state presentate in maniera sufficientemente scientifica, ma anche sufficientemente divulgativa, quali sono le modalità di funzionamento e i criteri basilari e generali per la localizzazione dei sensori, dei collegamenti e della centralina di gestione dell’insieme informatico. In questo modo il Codice di Pratica ha assunto una doppia funzionalità: da un lato strumento per la guida all’istallazione e al posizionamento nell’alloggio di alcuni dispositivi, dall’altro manuale di riferimento per la verifica della correttezza dell’istallazione stessa da parte della stessa utenza o del soggetto appaltante.

Casa Educativa con Impiego di Sistemi Domotici per Utenti con Ritardo Mentale a Lenzima di Rovereto

E’ stato redatto nell’ ambito dell’ “Accordo per l’installazione in due unità abitative di sistemi domotici e tecnologici per migliorare il comfort abitativo di persone diversamente abili”deliberato dalla Giunta Provinciale n. 310 di data 10 marzo 2005, il progetto per la realizzazione di appartamenti semiprotetti introducendo dei sussidi domotici che da un lato accrescessero la personalità dell’individuo sviluppandone l’autonomia, dall’altro tutelassero l’individuo “debole” nello svolgimento e nella gestione della vita quotidiana.
Per quanto riguarda il primo punto, “accrescere la personalità dell’individuo” è stato affidato all’abitazione il compito di sviluppare le capacità organizzative della persona, presupponendo una risposta attiva alla segnalazione di anomalie, allarmi o ritardi nell’adempimento di attività prefissate. Questa finalità è stata raggiunta introducendo un nuovo interlocutore tra casa e persona, ovvero uno schermo che visualizzasse con un’iconografia semplice ed immediata lo stato di allerta. Questo avviso è stato pensato per consentire all’utente di intervenire e rimediare alle proprie mancanze, attivando così un processo di sviluppo di schemi di adattamento agli eventi. E’ stato previsto inoltre che la situazione di allarme venga non di meno visualizzata anche al centro di controllo, dove possa essere registrata e catalogata per avere una casistica comportamentale per sviluppare un sistema di valutazione degli utenti. La casa diventa quindi un vero e proprio educatore tanto da poterla definire Casa Educativa.
Per quanto riguarda il secondo punto, quello relativo alla tutela dell’individuo nella gestione della vita quotidiana, l’introduzione dei sussidi domotici è stata progettata per garantire la sicurezza dell’individuo a livello sia di safety che di security, con particolare riferimento alla limitazione dell’autonomia, specifica caratteristica deficitaria degli utenti di riferimento. E’ questa una delle peculiarità consolidate dell’automazione domestica: la casa è un contenitore sicuro per l’utente, tanto da potersi definire Casa Sicura ed ha in tal senso il compito di salvaguardare la salute ed il benessere della persone con interventi di attivazione automatica di impianti di sicurezza e termoregolazione.

Il progetto è stato premiato con menzione e targa di riconoscimento il 10 maggio 2005 nell’ambito del concorso nazionale PA Aperta promosso da FORUM P.A.
La categoria per cui il progetto ha partecipato ha titolo “Azioni finalizzate all’integrazione sociale delle categorie svantaggiate attraverso le tecnologie ICT”.

Ciclo di seminari in Trentino, promosso dall’Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

I seminari sono stati tenuti a Cles, Storo, Rovereto e Tonadico ed erano incentrati sull’utilizzo di strumenti tecnologici ed informatici per migliorare la qualità della vita della popolazione, in particolare dei soggetti deboli che vivono in aree svantaggiate di montagna.
In particolare gli argomenti trattati riguardavano le funzionalità delle installazioni domotiche, le tecnologie adottabili nell’ambito del pacchetto domotico della Provincia Autonoma di Trento, i protocolli e gli standard.

Ricerca nell’ambito del programma di azioni innovative finanziato dall'Unione Europea denominato Gabriele dal titolo: "Adattare la casa alle esigenze dell'anziano con l'ausilio di tecnologie" (Casa @datta)

Tale programma, attivato nella Valle del Chiese, viene gestito dall'Istituto Regionale di Studi e Ricerca Sociale su incarico della Provincia Autonoma di Trento si propone la sperimentazione di una modalità di lavoro integrato (sociale, sanitario, abitativo, domotico) attraverso la quale co-progettare con l'anziano fragile portatore di disabilità ed i suoi familiari un intervento unitario e globale (abitativo, domotico, protesico, di tele-assistenza e di servizio socio-sanitario) in grado di creare migliori condizioni di autonomia, sicurezza, integrazione sociale a domicilio.
Il CUnEdI svolge azione di consulenza metodologica in ambito di progettazione architettonica e d’impianto tecnologico, con particolare riferimento all’individuazione dei sussidi domotici da adottarsi in relazione alle diverse disabilità ed alla loro corretta collocazione all’interno dell’abitazione.

2006

Costituzione di un laboratorio tipologico a scala reale per la comparazione del comportamento termico e luminoso di ambienti confinati dotati di sistemi domotici, finanziato e realizzato da Konnex Association

La sede del laboratorio è negli spazi del CUnEdI presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Trento. I locali destinati ad essere usati come laboratorio sono al quarto piano, nell’ala sud-est dell’edificio. Sono due ambienti che dovranno risultare comunicanti e un bagno separato da essi. La realizzazione di un laboratorio a scala reale ha lo scopo di approfondire le potenzialità della domotica nella regolazione delle condizioni microclimatiche ambientali ottimali per la presenza umana e al contempo ridurre al minimo l’impegno energetico; implementare l’uso dei supporti domotici nelle abitazioni delle fasce deboli, quali anziani e portatori di handicap motori, per compensare le limitazioni funzionali e facilitare la vita indipendente; rendere possibile la sperimentazione su casi reali per lo sviluppo di soluzioni innovative per la progettazione e la realizzazione di abitazioni dotate di dispositivi intelligenti.


Studio di scenari luminosi per l’ottimizzazione del consumo energetico nella gestione del museo MART di Rovereto

Il CUnEdI ha redatto uno studio dettagliato per il miglioramento delle prestazioni dell’impianto di illuminazione in termini di risparmio energetico, a parità di attività svolta, attraverso la configurazioni di scenari funzionali studiati ad hoc in funzione delle diverse attività svolte all’interno della struttura. In particolare si è proceduto con la definizione dei cicli funzionali (pianificazione del grado di illuminazione necessario, redazione di tavole grafiche, definizione di un piano orario), la specifica definizione dei dispositivi necessari (interoperabilità, modalità di funzionamento, caratteristiche tecniche, localizzazione), la redazione di un computo metrico estimativo e della proiezione dei possibili risparmi con la nuova gestione per scenari.

Redazione della versione italiana del manuale per il corso avanzato KNX per ETS3

Nell’ambito della convenzione tra CUnEdi e Probus è stata curata la redazione della versione italiana per il corso avanzato KNX per ETS3. Per la diffusione della tecnologia domotica e nello specifico dello standard KNX un ostacolo per gli installatori è l’inacessibilità dei database e dei software di programmazione scritti in lingua straniera. Il CUnEdI ha sfruttato le proprie conoscenze tecniche per la redazione della versione italiana del manuale usato come strumento didattico per il corso avanzato e certificato per ETS3.

Ricerca co-finanziata dal Comune di Trento e dall’Università degli Studi di Trento dal titolo: “Edilizia ecocompatibile: ricognizione dei dati tecnici in uso nella regione alpina, requisiti prestazionali degli edifici e materiali ai fini del risparmio energetico”

Il lavoro è incentrato sullo sviluppo di metodologie e tecniche per l’impiego razionale delle risorse energetiche ed il contenimento dei consumi energetici nelle aree di montagna con particolare riferimento alla realtà territoriale del Comune di Trento e del Trentino.

L’impianto metodologico della ricerca è basato sul monitoraggio delle condizioni ambientali di edifici dotati o no di supporti domotici per verificare le potenzialità della domotica nella regolazione delle condizioni microclimatiche ambientali ottimali per la presenza umana e al contempo per la riduzione al minimo dell’impiego energetico.

Attività in atto

Vai all'Indicevai suvai gił

Progetto scientifico, nell’ambito dell’accordo bilaterale con l’ASPE: “Sostenibilità ambientale e risparmio energetico nella gestione di uffici pubblici: il caso del palazzo delle ex-poste”

Il progetto, che ha comportato l’introduzione di sussidi domotici per il controllo dell’illuminazione nel palazzo delle ex-poste di via Gilli di Trento allo scopo di:
- verificare le potenzialità di un sistema di controllo e gestione tanto nella regolazione delle condizioni microclimatiche ambientali quanto dell’illuminazione perché vengano garantite le condizioni di benessere ottimali per la presenza umana;
- rendere possibile la sperimentazione su casi reali dello sviluppo di soluzioni innovative per la progettazione e la realizzazione di in particolare nell’ambito del terziario e degli uffici dotati di dispositivi intelligenti
- quantificare il contributo di una regolazione domotica dell’impianto di illuminazione e termoregolazione per la riduzione al minimo dell’impegno energetico;
- istituire un laboratorio operante sul territorio che possa fornire dei risultati ripetibili ed un’impostazione metodologica per la misurazione del risparmio energetico ottenibile da un impianto di gestione e controllo per il controllo
- verificare l’utilità ed l’effettivo utilizzo di scenari luminosi opportuni per l’uso flessibile di palazzi per uffici


Progetto scientifico: “Un laboratorio a scala reale per l’automazione illuminotecnica ampliamento della facoltà di giurisprudenza”

Il progetto illuminotecnico ha introdotto l’impiego di strumentazione domotica per il controllo dell’illuminazione in funzione del grado parziale di occupazione delle aule universitarie. E’ stata prevista l’elaborazione di una proiezione sul risparmio ottenibile ed un piano di ammortamento per il ritorno di spesa sull’attrezzatura necessaria.
Si rendono necessarie attività di monitoraggio giornaliero con software di supervisione che misuri ed archivi i parametri di illuminamento medio su superfici campione ed il consumo in presenza ed in assenza di dispositivi domotici.

Progetto scientifico: “Sperimentazione aule a basso consumo energetico”

Nella aule 2M, 2N e 2P del secondo piano della facoltà di ingegneria è in corso una sperimentazione per il controllo ed il monitoraggio dei consumi energetici per l’illuminazione. Le aule sono state dotate di un sistema di controllo della regolazione della luminosità sul piano di lavoro in funzione della luce naturale presente, allo scopo di mantenere costante il livello di comfort visivo.
Lo spegnimento e l’accensione dei corpi illuminanti si verifica in funzione della rilevazione di presenza.


Nell’ambito dell’accordo di delibera 736: “Progetto per la realizzazione di un appartamento semi prottetto per persone con disabilita’ psicofisica con il supporto di sistemi domotici e telematici – C.S.4. Società Cooperativa Sociale – O.N.L.U.S. Solidarietà Sicurezza Sociale Servizi”

L’obiettivo del progetto è quello di fornire l’opportunità a persone con disabilità psicofisica di intraprendere un percorso di vita autonoma ed indipendente che comprenda, come ambito fondamentale, anche l’aspetto dell’abitare. L’obiettivo sarà perseguito realizzando un alloggio pensato attorno alla persona con le proprie esigenze e potenzialità residue introducendo sistemi di arredo e soluzioni tecnologiche studiate puntualmente per le esigenze del singolo.

Nell’ambito dell’accordo di delibera 736: “Progetto Casa Satellite” - A.N.F.F.A.S.

L’obiettivo del progetto è realizzare un alloggio semiprotetto, occupato a rotazione da 4 ragazzi down per un periodo di permanenza di 2 o 3 giorni, in modo da poter accrescere il senso di competenza e autostima degli utenti, da permettere loro di organizzare il tempo libero e di auto gestire il tempo di vita coordinando gli impegni personali e lavorativi. Il CUnEdI ha impiegato le sue specifiche competenze per studiare soluzioni di arredo, di progettazione dello spazio e di impiego di sussidi domotici pensate per le specifiche esigenze di questo tipo di utenza.

Attività di formazione per aziende di settore attraverso l’organizzazione di corsi nel laboratorio tipologico per la diffusione della cultura del progetto dell’abitazione intelligente.

5 ottobre 2006 “Incontro di formazione sui sistemi BUS” rivolto a tecnici installatori. Il corso si svolge presso il CUnEdI, relazioni a cura del Prof. Frattari, dell’ing. Michela Chiogna e del personale tecnico Hager Lumen.

7 novenbre 2006 “Incontro di formazione sui sistemi BUS” rivolto aprogettisti elettrici ed edili. Il corso si svolge presso il CUnEdI, relazioni a cura del Prof. Frattari, dell’ing. Michela Chiogna e del personale tecnico Hager Lumen.

Nell’ ambito della convenzione con l’UPA SERVIZI SRL, “Progetto R€nergia - risparmio energetico e competitivita’ delle imprese artigiane”

Il CunEdI sosterrà un ciclo di lezioni a Brescia, Lecco e Como, strutturati in mezza giornata introduttiva presso le sedi territoriali di Confartigianato e 1 giornata di visita all’Università di Trento, Laboratorio CunEdI. Questi incontri sono pianificati tra ottobre 2006 e marzo 2007.
E’ attiva anche una collaborazione per la pubblicazione di articoli per informative e stampa specialistica.

Ricerca finanziata dalla Comunità Europea – Progetto Leonardo da Vinci Multilateral Projects Transfer of Innovation (con cofinanziamento dell’Università degli Studi di Trento) “Accessible World for All Respecting Differences (AWARD) – European Project Leonardo da Vinci”

Lo scopo del progetto è la produzione di materiale formativo elettronico relativo al concetto dello universal design nell’ambiente costruito. Il materiale viene strutturato in un sistema a matrice tripla (vocazione – impedimento – ambiente) che copre la complessità di tutte le professioni relative al mondo della disabilità in ambito edilizio e urbano. Vengono illustrate tutte quelle barriere che non sono riconosciute come tali dalla maggioranza delle persone (92-94% della popolazione) ma che sono ostacoli spesso insormontabili per le persone disabili e che potrebbero essere eliminate in maniera semplice da professionisti e operatori del settore, anche artigiani, adeguatamente istruiti secondo i principi dello universal design. L’obiettivo finale del progetto è quello di inserire queste tematiche nei curricula proposti dagli istituti di formazione a vario livello e titolo, producendo materiale educativo e formativo sia per i futuri progettisti sia per i settori relativi agli ambiti professionali come artigiani, costruttori, piccole imprese e altri.

La durata della ricerca europea è di 2 anni: 2007-2009.

Prevede la partecipazione dei seguenti partners:

  1. Italia (Istituto Regionale di Studi e Ricerca Sociale di Trento IRSRS)
  2. Ungheria ( Budapest University of Technology and Economics - Motivacio Foundation for Helping Disabled People)
  3. Romania ( Technical University of Cluj-Napoca)
  4. Irlanda (Dundalk Institute of Technology)
  5. Slovenia ( University of Ljubljana, Faculty of Civil and Geodetic Engineering)

Realizzazione di un progetto di ricerca atto a migliorare il proprio sistema costruttivo e la sua integrazione con tecnologie innovative per produrre energie rinnovabili, finanziato da impresa privata (Gruppo Polo - Levilleplus – UD).

La ricerca prevede azioni di tipo progettuale, di verifica in laboratorio e di costruzione di un prototipo al vero per definire:

  • prestazioni di isolamento termico degli elementi di frontiera degli edifici in modo da migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio agendo sulla conformazione e costituzione degli elementi costruttivi e sulle loro correlazioni sia interne (cioè di accoppiamento dei materiali) sia esterne (cioè di accoppiamento dei componenti) per minimizzare il contenimento dei consumi energetici;
  • l’integrazione dell’edificio con “fonti” energetiche alternative e pulite come: sistemi solari passivi, impianti fotovoltaici, sistemi geotermici, interamente gestiti da un sistema domotico che ottimizzi le condizioni di comfort degli occupanti con il minimo dell’impegno energetico anche delle fonti energetiche non rinnovabili;
  • elementi costruttivi innovativi che possano coniugare funzionalità tradizionali e innovative come i “serramenti intelligenti” che da un lato svolgeranno la funzione di serramento dall’altro potranno generare correnti di aria a bassa velocità per contribuire al raffrescamento e al riscaldamento degli ambienti confinati abbinati ad un sistema domotico per l’ottimizzazione dei flussi;
  • sistemi di partizione interna e di finitura delle pareti e soffitto, realizzabili a secco, con impiego di legno e cartongesso per evitare che si formino “gabbie di Faraday” in edifici realizzati in legno perdendo i positivi effetti sul benessere degli abitanti che gli edifici a struttura lignea possono apportare in relazione alla formazione di campi magnetici;

le potenzialità di un involucro interamente in legno eventualmente integrabile con edifici preesistenti anche in altri materiali per interventi di risanamento e ristrutturazione dell’edificato.

La durata della ricerca è di 2 anni: 2006-2008.

 

Conferenze e relazioni a convegni

Vai all'Indicevai suvai gił
Frattari A., Chiogna M. “I Malati di Alzheimer e l’Abitazione: lo Stato dell’Arte in Norvegia” Conferenza “La malattia di Alzheimer: efficacia, efficienza, solidarietà e prospettive nella Città di Trento” Trento, 11 marzo 2005

Frattari A. “Un Nuovo Modo di Abitare per l’Utenza Debole: la “Casa Educativa” e la “Casa Sicura” Forum “Pianificare, progettare, Costruire , Abitare – Saperi e pratiche innovative per la sostenibilità ambientale e sociale in Trentino” Mezzocorona (TN) 11-12 marzo 2005

Frattari A., Chiogna M. “La domotica: ausilio al controllo energetico degli edifici” Convegno “Sostenibilità edilizia e risparmio energetico - Strategie e prospettive progettuali, tecnologiche economiche” Trento,15 aprile 2005

Frattari A., Chiogna M. “La domotica e le imprese artigiane” Seminari sul territorio: Cles 7 aprile 2005; Storo 20 aprile 2005; Rovereto 13 maggio 2005; Tonadico 19 maggio 2005

Guandalini G., Zanella I., Chiogna M. “Due progetti esecutivi tecnica e metodologia d’intervento” Tavola rotonda “I percorsi della ricerca e della sperimentazione verso l’ambient assisted living” Trento 18 ottobre 2005

Frattari A. “Casa educativa e casa sicura a via Livenza (Rovereto)” Digital life - SMAU, 20 ottobre 2005 Milano

Frattari A. “Quando l’edificio diventa intelligente” Convegno su domotca e bioedilizia “Tecnologie dl costruire”, 26 novembre 2005 Conegliano

Chiogna M. “La casa domotica a misura d’anziano” Convegno su domotca e bioedilizia “Tecnologie dl costruire”, 26 novembre 2005 Conegliano

Chiogna M. “Centro Universitario Edifici Intelligenti” Fiera Sicurezza – innovazioni per un mondo più sicuro, 16 marzo 2006 Milano

Frattari A. “A semi-sheltered house for people with disabilities” CIB Working Group 84 “Building a Comfortable Environments for All” Meeting, Accessibbility and Safety for All Pte-Expo, 22 March 2006 Verona

Ceresi G., Chiogna M. “Adapting home to the needs of older people by the aid of technologies” CIB Working Group 84 “Building a Comfortable Environments for All” Meeting Accessibbility and Safety for All Pte-Expo, 22 March 2006 Verona

Frattari A., Chiogna M., “La domotica: soluzioni per il risparmio energetico” Convegno nell’ambito del progetto “B.Ai.T.A. – Bioedilizia: applicazioni tecniche per l’impresa artigiana di qualità” Brescia 19 aprile 2006

Frattari A., Chiogna M., “Visual comfort and low energy consumption: lighting strategies in university lecture halls” XXXIV IAHS World Congress on Housing Sustainable Housing Design Emphasizing Urban Housing September 20-23, 2006, Naples, Italy

Frattari A., Dalprà M., Chiogna M., “Smart home and architecture: the case study of dwellings for people with cognitive disabilities” XXXIV IAHS World Congress on Housing Sustainable Housing Design Emphasizing Urban Housing September 20-23, 2006, Naples, Italy

Frattari A., Chiogna M. “Experimentation through the comparison of heating and lighting system performance in buildings with or without an automation control system” KNX scientific Conference 2006, 9-10 Novembre 2006, Vienna

Chiogna M. “ Domotica e risparmio energetico ” nell’ambito del seminario “Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti”, 2007, 21 marzo, Bergamo, Italia.

Frattari A., Albatici R., Chiogna M. “Intervention strategies on lighting system in existing buildings towards energy efficiency and saving” international conference Sustainable Building South Europe, 2007, 7-8 June, Turin, Italy.

Frattari A., Dalpra' M., Chiogna M., "Smart Devices in a Training Home for People with Down's Syndrome: Case Study of "Casa Satellite" XXXV IAHS World Congress on Housing Science 2007, 4-7 September, Melbourne, Australia

Frattari A., Chiogna M., De Boer J., "Automation System for Lighting Control: Comparison between Data Recorded and Simulation Model" XXXV IAHS World Congress on Housing Science 2007, 4-7 September, Melbourne, Australia

Frattari A. “ Introduzione alla domotica: lo stato dell’arte ” Convegno internazionale “ La riabilitazione nel terzo millennio”, 2007, 9 giugno, Milano, Italia

Chiogna M. “Esperienze e realizzazioni dell’Università di Trento” Convegno internazionale La riabilitazione nel terzo millennio, 2007, 9 giugno, Milano, Italia

Frattari A., Chiogna M., “Innovazione tecnologica per i sistemi di illuminazione negli ambienti di lavoro: il caso di studio di un palazzo per uffici”, convegno internazionale “Le case e i luoghi del lavoro: letture e confronti”2007, 28-29 Settembre, Salerno, Italia

Frattari A., Chiogna M., Mandavi A., “ Energetic Implications of Alternative Lighting Control Strategies in an Educational Building ” PLEA2007 - The 24th Conference on Passive and Low Energy Architecture, 2007, 22-24 November, Singapore

Chiogna M . “ Energy efficienty and saving on lighting systems in existing buildings: intervention strategies ”convegno nazionale Il lavoro di ricerca nel Dottorato: problematiche e metodi, 2007, 20-21 Novembre, Udine, Italia.

Pubblicazioni

Vai all'Indicevai suvai gił

Libri

Autore: Frattari A., Ricerca bibliografica: Chiogna M. “Codice di Pratica per la Localizzazione di Sistemi Domotici” commissionato dalla Provincia Autonoma di Trento, 2005. p. 88 con ISBN 88-7702-116-116-0

Atti di convegno

Frattari A. “A semi-sheltered house for people with disabilities” In Building a Comfortable Environments for All Atti del Convegno CIB Working Group 84 “Building a Comfortable Environments for All” Meeting, Accessibbility and Safety for All Pte-Expo, 22 March 2006 Verona, Note: Atti su CD

Ceresi G., Chiogna M. “Adapting home to the needs of older people by the aid of technologies” In Building a Comfortable Environments for All Atti del Convegno CIB Working Group 84 “Building a Comfortable Environments for All” Meeting Accessibbility and Safety for All Pte-Expo, 22 March 2006 Verona, Note: Atti su CD

Antonio F., Chiogna M., “Visual comfort and low energy consumption: lighting strategies in univrsiy lecture halls” In Sustainable Housing Design a cura di Ural O., Iovino R., Frattari A., Fascia F., Albatici R., Napoli: Luciano Editore, 2006. p.. ISBN 88-6026-030-2 Atti del convegno: XXXIV IAHS World Congress on Housing Sustainable Housing Design Emphasizing Urban Housing September 20-23, 2006, Naples, Italy

Antonio F., Chiogna M., “Smart home and architecture: the case study of dwellings for people with cognitive disabilities” In Sustainable Housing Design a cura di Ural O., Iovino R., Frattari A., Fascia F., Albatici R., Napoli: Luciano Editore, 2006. p. 277. ISBN 88-6026-030-2 Atti del convegno: XXXIV IAHS World Congress on Housing Sustainable Housing Design Emphasizing Urban Housing September 20-23, 2006, Naples, Italy

Frattari A., Dalprà M., Chiogna M., “Smart home and architecture: the case study of dwellings for people with cognitive disabilities” In Sustainable Housing Design a cura di Ural O., Iovino R., Frattari A., Fascia F., Albatici R., Napoli: Luciano Editore, 2006. p. 277. ISBN 88-6026-030-2 Atti del convegno: XXXIV IAHS World Congress on Housing Sustainable Housing Design Emphasizing Urban Housing September 20-23, 2006, Naples, Italy

Chiogna M., “Eco compatible planning: analysis of the technical data used in the italian alpine region, building‘s performance and materials requirements for energy saving” Atti del convegno: “Il lavoro di ricerca nel Dottorato: esperienze italiane a confronto , 8 novembre 2006, Politecnico di Torino

Chiogna M. “ Domotica e risparmio energetico ” nell’ambito del seminario “Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti”, 2007, 21 marzo, Bergamo, Italia. Note: atti su CD.

Frattari A., Albatici R., Chiogna M. “Intervention strategies on lighting system in existing buildings towards energy efficiency and saving” in International Conference Sustainable Building South Europe, a cura di Andrea Moro, Celid Editore 2007 ISBN 10088-7661-748-5, Environment Park Editore 2007 ISBN 13 978-88-7661-748-5 pp.135-104 Atti del convegno Sustainable Building South Europe 2007, 7-8 June, Turin, Italy

Frattari A., Dalpra' M., Chiogna M., "Smart Devices in a Training Home for People with Down's Syndrome: Case Study of "Casa Satellite", 2007. Atti del convegno: "XXXV IAHS World Congress on Housing Science 2007", Melbourne (AUSTRALIA), 4-7 September, 2007. Note: abstract pubbl.in versione cartacea ISBN 978-1-921166-68-6

Frattari A., Chiogna M., De Boer J., "Automation System for Lighting Control: Comparison between Data Recorded and Simulation Model", 2007. Atti del convegno: "XXXV IAHS World Congress on Housing Science 2007", Melbourne (AUSTRALIA), 4-7 September, 2007. Note: abstract pubbl.in versione cartacea ISBN 978-1-921166-68-6

Frattari A., Chiogna M., “Innovazione tecnologica per i sistemi di illuminazione negli ambienti di lavoro: il caso di studio di un palazzo per uffici”, convegno internazionale “Le case e i luoghi del lavoro: letture e confronti”2007, 28-29 Settembre, Salerno, Italia

Frattari A., Chiogna M., Mandavi A., “ Energetic Implications of Alternative Lighting Control Strategies in an Educational Building ” PLEA2007 - The 24th Conference on Passive and Low Energy Architecture, 2007, 22-24 November, Singapore

Chiogna M . “ Energy efficienty and saving on lighting systems in existing buildings: intervention strategies ”convegno nazionale Il lavoro di ricerca nel Dottorato: problematiche e metodi, 2007, 20-21 Novembre, Udine, Italia.

Parti di libro

Chiogna M. “L’implementazione domotica: safety e security, comunicazione a distanza e tecnologia al servizio della persona. Descrizione analitica del progetto” In Residenzialità semiprotetta per disabili psicofisici – documento di sintesi del progetto di Lenzima di Rovereto, in stampa dicembre 2006

Frattari A., “La progettualità centrata sulla persona: dialogo tra i bisogni emergenti e la competenza tecnica del settore domotico. Incontro di saperi e sviluppo flessibile dei progetti” Residenzialità semiprotetta per disabili psicofisici – documento di sintesi del progetto di Lenzima di Rovereto, in stampa dicembre 2006

Antonio F., Chiogna M., contributo per l’edizione “Case report” – WP3 deliverable 5 progetto europeo azioni innovative nell’ambito del programma Gabriele “Servizi per il miglioramento delle condizioni di vita nelle piccole comunità periferiche” (in stampa)

Articoli

Frattari A., “L’alloggio domotico a Rovereto: una casa educativa per persone con ritardo mentale” A&A – 2005 – n°5/6, pp. 67-69

Ceresi G., Chiogna M. “La casa adatta:interventi integrati per gli anziani con disabilità in Provincia di Trento” A&A – 2006 – n°1/2, pp. 29-37

Frattari A., Chiogna M. “Casa sicura ed educativa” Casa Futura, ANNO VIII- No.1, 2006, pp.48-54

Ceresi G., Chiogna M., “Abitazioni, tecnologie e progetti: Casa@datta, la sperimentazione di una progettazione integrata a favore di persone anziane” Euro.p.a. Periodico di informazione sulle politiche comunitarie Provincia Autonoma di Trento, in pubblicazione

Antonio F., "Il Codice di Pratica per la localizzazione di sistemi domotici” Euro.p.a. Periodico di informazione sulle politiche comunitarie Provincia Autonoma di Trento, in pubblicazione

Frattari A., Chiogna M. “Benessere visivo e contenimento dei consumi energetici” Casa Futura, ANNO VIII- No.6, 2006, pp.43-46

Frattari A., Chiogna M. “KNX research projects at the CUnEdI ( University Center for Intelligent Building)” KNX Journal, 2007 – n°1 pp.33-34

Frattari A., Chiogna M. “Progetti di ricerca attivati presso il CUnEdl (Centro Universitario Edifici Intelligenti); Reaserch projects at the CUnEdI (University Centre for Intelligent Building)” KNX Journal-Italia, 2007 – n°1 – pp.15-17

Frattari A., Dalpra' M., Chiogna M., "Smart Home and Architecture:Case Study of Dwellings for People with Cognitive Disabilities". International Journal for Housing Science and Its Applications, 2007. v. 31, 2, p. 89-98, per ISSN-0146-6518.

Altro

Frattari A., Chiogna M. “Accordo per l’installazione in due unità abitative di sistemi domotici e tecnologici per migliorare il comfort abitativo di persone diversamente abili” progetto tecnologico di realizzazione di due appartamenti semi-protetti per disabili psicofisici attraverso il supporto della domotica - marzo 2005

Pubblicazione della scheda tecnica dal titolo “Casa educativa con impiego di sistemi domotici per utenti con ritardo mentale” sul sito web: www.buoniesempi.it

La nuova banca dati BuoniEsempi si inquadra nell'ambito del programma operativo D "Organizzazione, Semplificazione e Sistemi di governance" Linea di Intervento n. 4 "Implementazione programma Cantieri: reti e sostegno all'innovazione" finanziato attraverso il Programma di Empowerment delle pubbliche amministrazioni del Mezzogiorno ex delibera CIPE 36/2002 e realizzato dal Formez per conto del Dipartimento della Funzione Pubblica. BuoniEsempi - capitalizzando l'esperienza sviluppata al servizio dell'innovazione amministrativa a partire dal 2002 .

Servizio dal titolo “La dimora intelligente” -TG_dossier settimanale di approfondimento del TG2, prima messa in onda a giugno 2006 e replica in ottobre 2006. Trasmissione sull’ abitazione domotica di Lenzima di Rovereto con intervista al Prof. Antonio Frattari

Knowledge transfer towards a sustainable housing in the field of low energy building and smart houses - Trasferimento tecnologico per l’edilizia sostenibile nel campo del basso consumo energetico e della domotica” poster e partecipazione a G reenvillagetechs 2007, 26 gennaio, Bolzano.

“Domotica e risparmio energetico” poster e partecipazione a Living Luce 2007, 6-10 febbraio, Milano.

Frattari A., Chiogna M. “Sostenibilità sociale: domotica e utenza debole” pubblicazione online come parte integrante del corso FAD “ Recupero e mantenimento ell'autonomia e dell'autosufficienza nella vita quotidiana” nel modulo “La casa e gli ausili nella quotidianità”. www.fadriabilitazioneoggi.com


Atti Convegni

Vai all'Indicevai suvai gił

"Gestione & efficienza energetica degli edifici pubblici" - Rovereto 3 aprile 2009

Programma Convegno