Pila a secco allo zinco-carbone

(-) Zn / NH4Cl // MnO2 / C (+)

 

E’ tra le più diffuse pile a secco in commercio, rappresenta il 39% del mercato europeo delle batterie portatili.

 

 

 

 

(Pila Leclanché, 1866):

Catodo di grafite (C) in contenitore di Zinco (anodo), con l’elettrolita dato da pasta umida di NH4Cl e ZnCl2 in amido, insieme a MnO2 e nerofumo;

 

Anodo:

Zn(s) → Zn2+(aq) + 2e-;

 

Catodo:

2 MnO2 + 2 H+ + 2e- → 2 MnO(OH)

 

 

 

 

Gli ioni Zn2+ che si produco all’anodo vengono complessati dal cloruro di ammonio secondo la reazione

Zn2+ + 2NH4Cl + 2 OH-(aq) → Zn(NH3)2Cl2 + 2H+

Il biossido di manganese evita che gli ioni H+ prodotti all’anodo vadano a ridursi direttamente al catodo producendo così idrogeno gassoso che andrebbe a polarizzare la pila, cioè a creare un velo di gas che avvolge la grafite e impedisce l’ulteriore scarica di ioni H+.

Ricoprendo il catodo in grafite con biossido di manganese la reazione di riduzione che avviene nella pila è quella sopra indicata dove non si ha evoluzione di idrogeno.

Il potenziale di questa pila è inizialmente circa 1.5 V e poi diminuisce fino a circa 0.8 V